Ripristino e demilitarizzazione del Corpo Forestale dello Stato

forestale

Nel pomeriggio di martedì 21 luglio, Angelo Bonelli e Francesco Alemanni hanno incontrato una delegazione della FeRFA e dell’AIPA, rispettivamente Federazione Rinascita Forestale Ambientale e Associazione Italiana Polizia Ambientale.

È stata l’occasione per ricucire un rapporto storico tra il movimento politico ambientalista e il mondo forestale, bruscamente interrotto con la soppressione del Corpo Forestale dello Stato, avvenuta con la Riforma Madia voluta dal Governo Renzi nel 2016. All’epoca dei fatti, centinaia di forestali si sono, così, dispersi nelle più varie amministrazioni dello Stato ed è stata attuata, per la prima volta nella storia della Repubblica, la militarizzazione coatta di circa 7mila dipendenti civili dello Stato.

Un assorbimento che, peraltro, ha lasciato un grande vuoto dal punto di vista del presidio del territorio e della tutela dei boschi e della biodiversità. Bonelli e Alemanni hanno, pertanto, confermato la netta contrarietà degli ambientalisti a questa scelta e l’appoggio ai progetti di legge che chiedono il ripristino e la demilitarizzazione del Corpo Forestale dello Stato.