I condoni edilizi e fiscali sono un insulto a chi si batte contro l’epidemia

condoni

In Italia, abbiamo una destra irresponsabile e ignorante che sfrutta il dramma dell’emergenza per prendere qualche voto in più. Prima la Meloni con la sua proposta di fermare il Green Deal con cui rilanciare l’economia Verde e poi Salvini con la proposta di “pace” – ovvero “condoni” – edilizia e fiscale.

Il solo pensiero di sfruttare una pandemia per un “tana libera tutti” sull’abusivismo edilizio e fiscale è un insulto, verso le vittime del virus, gli operatori sanitari che hanno visto indebolire la sanità anche a causa dei furbi che non pagano le tasse e verso gli onesti cittadini che sarebbero costretti a pagare il conto di chi ha edificato abusivamente.

I condoni edilizi e fiscali sono criminogeni perché, come la storia insegna, hanno sempre fatto aumentare i reati di abusivismo e di evasione fiscale. Ecco la politica di questa destra: punire gli onesti.

Lasciarsi alle spalle l’emergenza significa guardare al futuro con occhi nuovi, cambiando radicalmente il sistema economico-sociale che ci ha portato fin qui. La crisi, prima sanitaria e successivamente economica potrà essere superata solo con un Green Deal europeo e con comportamenti etici a partire dal rispetto delle leggi.

Angelo Bonelli