TTIP, il Governo tuteli la salute dei cittadini dai ricatti di Trump

ttip

Siamo e restiamo contrari al TTIP: la salute dei cittadini non può essere barattata sotto il ricatto di nuovi dazi da parte del Presidente USA che vorrebbe imporre all’Europa l’allentamento delle maglie sulle norme sanitarie e fitosanitarie, sui limiti di residui di pesticidi e altre sostanze chimiche nel cibo, oltre al cambio della legislazione europea sugli OGM, aggredendo e condizionando di fatto la nostra democrazia. Il rischio è che Stati Uniti e UE chiudano un patto scellerato senza consultare nessuno e senza considerarne gli impatti, lasciando alle lobby le valutazioni su prodotti e sostanze che entrano sul mercato, come accade negli USA, anziché rifarsi al principio di precauzione richiamato dall’articolo 191 del Trattato di funzionamento dell’Unione (TFEU).

Il nuovo accordo, che Trump vorrebbe concludere ‘entro poche settimane’, minerebbe l’indipendenza dell’Europa e degli Stati membri, svilendo le regole sulla qualità che rendono l’agroalimentare europeo un prodotto d’eccellenza in tutto il mondo. L’Europa non lasci che gli Stati Uniti alterino sulle regole e i principi preziosi che, in caso di mancanza di certezze scientifiche a garanzia della sicurezza, stabiliscono l’adozione di misure di tutela precauzionale a difesa di cittadini e ambiente. Se negli USA nuovi prodotti e sostanze vengono messi in commercio esclusivamente sulla base di valutazioni fatte dalle imprese, l’UE ha il compito evitare che, nei casi in cui ci siano forti preoccupazioni sulla nocività di una sostanza o di un prodotto, siano i cittadini a farne le spese a tragedia già avvenuta. In particolare, il Governo italiano, nella persona del Ministro Bellanova, si impegni a tutelare, con il Ministro americano per l’Agricoltura Sonny Perdue, il Made in Italy rigettando l’accordo e applicando il principio di precauzione sui prodotti OGM, rimandando la decisione al Parlamento affinché assuma le proprie conclusioni sulle basi di una solida scienza.

Elena Grandi e Angelo Bonelli