In Italia 208 vittime al giorno per smog, dov’è la svolta verde del Governo?

Smog

Ogni giorno, secondo l’Agenzia europea per l’ambiente, l’Italia conta 208 vittime dello smog: una drammatica emergenza sanitaria di cui nessuno parla, a cominciare dai partiti che sostengono la maggioranza di Governo.

Il 2020 si trova già sulle spalle una grave crisi dovuta allo smog, con numerose città che hanno ripetutamente sforato i limiti per PM10 e 2,5, in particolare Milano, Torino, Bologna, Roma. Una drammatica emergenza sanitaria che i fondi stanziati nel Green Deal dell’UE potrebbero contribuire a mitigare con interventi strutturali che vadano oltre la propaganda di questo Governo, troppo impegnato a propagandare una svolta verde anziché metterla in atto con provvedimenti concreti.

L’emergenza sanitaria causata dallo smog non è una questione politica prioritaria per il Governo e il Parlamento ma, purtroppo, è declassificata a fatto di cronaca. Questo è il motivo per cui ci troviamo nella situazione drammatica di morti fotografata dall’Agenzia Europea dell’Ambiente.  L’Italia ha un deficit di trasporto pubblico inaccettabile perché è una delle ultime in Europa, per questo troviamo impietosa la scelta del Governo di non prendere provvedimenti strutturali in questo settore, bisognerebbe seguire l’esempio della Germania che ha investito 85 miliardi di euro per i prossimi 10 anni sul trasporto pubblico. Il paragone con altri Paesi europei è impietoso: ad esempio, l’Italia dispone di 223 km di metropolitane mentre la sola città di Madrid ne possiede 290 km.

L’Organizzazione mondiale della sanità ha calcolato che, in Italia, l’impatto economico dell’inquinamento è pari a 87 miliardi di euro all’anno, ovvero 1400 euro a persona, neonati compresi. È evidente, in questo quadro, che l’Italia ha urgente bisogno di un Piano nazionale straordinario contro lo smog, rafforzando il trasporto pubblico e prevedendone, per il periodo di transizione, l’estensione della gratuità per tutti gli abitanti, soprattutto in città.

Angelo Bonelli 

Lascia un commento