Emergenza sismica: finanziare azioni concrete per tutelare il paese

Emergenza sismica

Il territorio italiano è sottoposto a un alto rischio sismico e idrogeologico, questi fenomeni mettono di frequente in seria difficoltà la vita quotidiana dei cittadini. Spesso gli interventi effettuati per risolvere i problemi causati da terremoti, frane, allagamenti sono insufficienti o mirano a risolvere il problema nel breve termine.

Un esempio lampante è quanto accaduto a Venezia dove il MOSE si è rivelato inutile di fronte alle forti e copiose precipitazioni. Leggi:Il Mose nasce vecchio e inutile.

Azioni concrete

Per far fronte davvero all’emergenza sismica e al rischio idrogeologico, proponiamo di investire 2 miliardi di euro.

Questa cifra corrisponde all’intero ammontare del nuovo Fondo istituito dal Disegno di Legge di Bilancio 2017 per il finanziamento degli investimenti e lo sviluppo infrastrutturale del Paese.

L’obiettivo è quello di evitare di disperdere soldi in progetti frammentati e di scarso impatto per la riqualifica dei territori.

LEGGI QUI IL DOCUMENTO

DI FINANZIARIA CLIMATICA